Smartwatch

Tante guide e consigli per imparare a scegliere, a conoscere e ad usare gli indossabili intelligenti da polso.

Esplora il tuo brand preferito

Scopri gli smartwatch più ricercati dagli utenti

Ultimi articoli pubblicati

Smartwatch: gioielli tecnologici al polso

I primi smartwatch in circolazione, comparvero negli anni ’90. A causa delle scarse funzioni e del design poco allettante, non preso piede e finirono ben presto nel dimenticatoio. Gli ultimi anni hanno visto il ritorno di questi piccoli, ma utilissimi, accessori, supportati da una tecnologia molto più avanzata e da molteplici funzioni interessanti. Per spiegare con semplicità cosa sono gli smartwatch basta dire che si tratta di “orologi intelligenti”, anche se è una descrizione piuttosto semplificata. Infatti questi “orologi” racchiudono in pochissimo spazio, un vero e proprio mondo di funzioni e potenzialità. Sono dei veri e propri smartphone in miniatura le cui caratteristiche competono, per efficienza e varietà, con quelle dei telefoni stessi. Possono essere indossati al polso e sono in grado di assolvere alle normalissime funzioni da orologio. Ma nascondono qualcosa in più. Infatti possono facilmente collegarsi agli smartphone, trasformandosi in loro estensioni e permettendo di gestire molteplici funzioni direttamente dal polso senza dover prendere in mano il telefono.

Smartwatch: caratteristiche e sistemi operativi

Gli smartwatch non sono come gli smart speaker, dove, bene o male, le funzioni, alla fine sono sempre le stesse. Ogni smartwatch è diverso l’uno dall’altro. Ciascuno di loro presenta caratteristiche e peculiarità uniche che lo contraddistinguono dagli altri. Rispondo a diverse esigenze e sono stati creati anche per scopi molto diversi. Il mercato attuale è davvero ricolmo di questi accessori. Differenti modelli, tantissime marche, molteplici funzioni e, in generale, una gran confusione per chi si approccia a questo mondo per la prima volta.

Vista la vastità delle caratteristiche proprie di questi strumenti, cerchiamo di far luce almeno sulle peculiarità principali che li contraddistinguono. Gli smartwatch differiscono per design, casa produttrice e sistema operativo installato. Quindi, al di là del design, che risponde soprattutto al gusto personale, quello che è importante conoscere, è la compatibilità con il proprio smartphone. I sistemi operativi più comuni tra gli smartwatch sono:

  • Android Wear – è il sistema operativo sviluppato da Google. È compatibile con smartphone Android dalla versione 4.3 in poi e con iPhone con versione iOS aggiornata alla 9 o superiore. Con Apple però non è garantita la piena compatibilità
  • WatchOS – sistema operativo presente su Apple Watch. è compatibile e comunica esclusivamente con iPhone 5s o superiori e con iOS 11 o successivi.
  • TizenOS – poco diffuso, ma comunque presente su diversi dispositivi low cost, è compatibile con i Samsung, ma ha funzionalità limitate con altri dispositivi Android con quelli che montano iOS.

Display, hardware e sensori

La tecnologia impiegata nel display degli smartwatch è un elemento determinante nella loro scelta. Il display può essere OLED/AMOLED oppure LCD. I primi sono display dai colori intensi e contrasti profondi, i secondi invece sono particolarmente luminosi, ma con minor autonomia.

Diverse anche le funzioni di interazione dei display touchscreen. Alcuni infatti consentono di essere utilizzati attraverso la rotazione della ghiera, mentre altri richiedono l’utilizzo combinato con diversi pulsanti.

Altre peculiarità che caratterizzano i vari smartwatch sono il processore, la memoria interna e la RAM all’interno del dispositivo. La potenza del processore e la quantità di RAM determina la velocità e la costanza di prestazioni dello smartwatch. Più APP sono installate, maggiore è la mole di lavoro per processore e RAM. Di conseguenza per assicurarsi prestazioni sempre al TOP è necessario avere un buon livello di RAM e un ottimo processore. Il rischio, altrimenti, è quello di veder rallentare progressivamente la velocità e la fluidità di funzionamento dello smartwatch.

Infine, altra discriminante nella scelta del miglior smartwatch, sono i sensori, quali, altoparlante e microfono. Questi servono a rispondere alle chiamate senza prendere in, mano lo smartphone. Esistono persino dei modelli di smartwatch che contengono al loro interno una SIM/eSIM e un’antenna integrata che  permettono di eseguire chiamate anche se il cellulare non è connesso.

Come e quando usare uno smartwatch

Esistono vari motivi e modalità d’impiego di questi utili accessori. Uno smartwatch infatti, può essere utilizzato nello sport, oppure per lavoro, o ancora nel proprio tempo libero, o per motivi di salute. Durante lo sport usare uno smartwatch comporta una serie di vantaggi a cui spesso non si pensa. Ad esempio, in caso di difficoltà, è possibile allertare i soccorsi semplicemente schiacciando un pulsante, senza dover effettuare una telefonata con la quale cercare di spiegare la propria posizione. Infatti è possibile associare uno o più numeri di emergenza ai quali inviare la propria localizzazione tramite un sms, in caso di emergenza.

Per quanto riguarda la salute gli smartwatch si rivelano molto utili per misurare la pressione sanguigna sistolica e diastolica, oppure per verificare la frequenza cardiaco, o ancora per valutare la saturazione di ossigeno nell’emoglobina (in caso di smartwatch con saturimetro integrato).

Anche nella vita di tutti i giorni, durante il proprio tempo libero, sono validi alleati per semplificare diverse attività. Un semplice tocco allo smartwatch può localizzare lo smartphone disperso in casa, oppure aiutano a memorizzare e visualizzare velocemente la lista della spesa, o ancora permettono di rispondere ad una chiamata durante un bagno in mare, oppure sotto la doccia.

Insomma, si tratta di strumenti particolarmente utili, sotto molti aspetti della vita quotidiana. Anche nel lavoro si rivelano essere strumenti preziosi ed efficienti. Gli smartwatch hanno funzioni che consentono di notificare eventuali riunioni, oppure permettono di scorrere tutte le mail ricevute con semplice gesto della mano, o ancora di bloccare suonerie indesiderate nel giro di un secondo.

Smartwatch VS Smartband

Non sono la stessa cosa e si capisce anche dal nome. Gli smartwatch sono quindi “orologi intelligenti” che possono collegarsi con semplicità al proprio smartphone e che svolgono moltissime utili funzioni. Gli smartband invece, sono semplici braccialetti intelligenti usati per adempiere solo a qualche funzione basilare come, ad esempio: raccolta dati relativi alla salute (battito cardiaco), posizione geolocalizzata, contapassi e movimenti nelle tre direzioni.

Una volta raccolti tutti i dati gli smartband li inviano ad uno smartphone che, grazie ad apposite applicazioni, permette la visualizzazione delle informazioni raccolte a seconda del loro utilizzo e tipologia. A differenza degli smartwatch, impiegati su più forniti (tempo libero, sport, salute, lavoro), gli smartband sono stati creati per un uso quasi esclusivamente sportivo. Rari i casi in cui possono essere impiegati per motivi di sicurezza, o altro.

Guide acquisto smartwatch