Illuminazione Smart

Impara ad usare le luci intelligenti con le nostre guide!

Inizia da qui:

Negli ultimi anni l’illuminazione di case ed uffici è cambiata ed evoluta. Un fenomeno ancora in corso e in crescita, che non accenna ad arrestarsi. Anni fa l’unica differenza che esisteva tra le varie lampadine in commercio, riguardava semplicemente la potenza del fascio luminoso. Oggi invece tutto si basa sul risparmio energetico e le caratteristiche dei prodotti si sono affinate e differenziate notevolmente. Colori, forme e dimensioni delineano atmosfere e creano distinzione tra le diverse zone di uno stesso ambiente. Oggi viviamo un periodo molto particolare, caratterizzato dall’illuminazione smart, un’illuminazione facile, semplice ed intelligente. Si tratta di un modo molto diverso di illuminare gli ambienti. Non è più solo una questione di accendere o spengere una luce, piuttosto che ombreggiare una determinata zona. É invece un vero e proprio modo di vivere gli ambienti, interagendo con loro attraverso sistemi software ed hardware che ne comandano molti aspetti, tra i quali appunto, proprio l’illuminazione stessa.

Scopri le tue luci intelligenti preferite

Illuminazione smart: ultimi articoli pubblicati

Articoli più popolari

Lampadine intelligenti: l’avanguardia tecnologica dell’illuminazione

Le vecchie lampadine sono ormai obsolete e quasi del tutto in disuso. Per quanto ancora una buona parte degli utenti le preferisca a quelle a LED, stanno piano piano lasciando l’intero mercato all’illuminazione smart. Un modo nuovo ed intelligente di illuminare gli ambienti, che prevede l’utilizzo di lampadine a LED, alle quali è aggiunto un piccolo componente in più: un connettore wireless. Si tratta di una sorta di vero e proprio “computer” che consente alla lampadina di comunicare con altre lampadine e con il router di casa/ufficio, che a sua volta è collegato al sistema App centralizzato che comanda l’intero sistema e si installa semplicemente sullo smartphone.

Una rivoluzione da vivere senza, in effetti, apportare grandi stravolgimenti all’interno della propria abitazione. Infatti non è necessario rifare o modificare l’intero impianto elettrico. Le prese della corrente e gli allacci di lampade e lampadina, sono sempre gli stessi. Quello che cambia, invece è la lampadina stessa. Esistono lampadine intelligenti attraverso le quali è possibile controllare a distanza, oltre ad accensione e spegnimento, anche l’intensità e il colore e avvisano persino in caso di sbalzi di corrente. Le lampade smart possono anche comunicare con una serie di ulteriori dispositivi: dimmer, telecomandi e smartphone.

Illuminazione smart e intelligenza artificiale

Grazie alle nuove tecnologie che hanno reso possibile la creazione dell’illuminazione smart, oggi è possibile interagire e comandare l’illuminazione di casa/lavoro sfruttando le funzionalità degli smart speaker. Il funzionamento è molto semplice e alla portata di tutti. La lampadina intelligente è comunque una comune lampadina da avvitare semplicemente al porta lampade. Una volta avvitata potrà comunque essere controllata fisicamente dal semplice interruttore. A questa banale possibilità però, si aggiunge oggi, la possibilità dei comandi vocali dettati all’assistente virtuale che gestisce illuminazione, domotica e agenza personale.

Quando le lampadine smart ricevono corrente, sono in grado di emettere e ricevere segnali. Questo da loro modo di poter essere collegate a diverse soluzioni:

  • Smartphone – le lampadine e l’intera illuminazione smart è controllata, in questo caso, tramite applicazioni scaricabili e installabili sul cellulare. In alternativa possono essere controllate anche da protocolli IOT (Internet of Things) specifici (come Apple HomeKit e Google Assistent)
  • HUB – centralina che controlla le varie connessioni. Questa può essere proprietaria (come ad esempio Philips Hue) oppure compatibile (Amazon Alexa, oppure Amazon Echo Plus). Gli HUB consentono di controllare contemporaneamente un gran numero di lampadine
  • Telecomando – Le lampadine controllate da telecomando, non possono effettivamente essere considerate come illuminazione smart. Infatti se ne regola l’intensità e si accendo/spengono solo da telecomando.

Quando si utilizza un’applicazione per controllare le lampadine smart, devono essere scaricate, installate e configurate. Si tratta comunque, nella maggior parte dei casi, di configurazioni piuttosto semplici. Sul nostro portale ci sono comunque varie guide, informazioni, news e suggerimenti per capire come configurare le varie applicazioni di controllo illuminazione.

Illuminazione smart: un mondo di funzioni e possibilità

Al pari delle smart TV, o degli smartwatch, l’illuminazione smart spalanca le porte a numerose possibilità, consentendo varie funzioni molti divertenti ed interessanti:

  • cambi di colore
  • modulazione dell’intensità
  • spegnimento e accensione delle lampadine da remoto
  • controllare l’illuminazione semplicemente con una richiesta vocale
  • temporizzare accensione e spegnimento
  • consentire l’accensione automatica al verificarsi di una determinata condizione (ad esempio quando si rientra in casa)
  • accendere e/o colorare le lampadine in funzione all’utilizzo di determinati elettrodomestici
  • aumentare o diminuire l’intensità delle luci in base alle attività svolte
  • colorare le lampade a tempo di musica

Si tratta solo di alcuni esempi, di un elenco esemplificativo, ma non esaustivo. L’unico limite è la propria creatività.

Intensità, colore e dimmer

Le lampadine LED in commercio oggi si differenziano per potenza luminosa, tipo di collegamento e diversa tipologia di connettività. Le lampade possono avere

tonalità di luce regolabile – sono lampadine la cui tonalità di luce è regolabile da calda (gialla) a fredda (azzurra)

tonalità non regolabile – sono lampadine intelligenti che emettono luce di un solo colore e di una sola intensità (o calda, o fredda, non personalizzabile)

colore RGB modificabile – lampadine che hanno led rosso, blu e verde che possono essere accesi e spenti singolarmente, oppure mescolabili tra loro per ottenere l’intera scala cromatica

dimmerabili – a queste lampadine si può modificare l’intensità luminosa attraverso un dimmer, controllato da uno specifico dispositivo (come uno smartphone).

Scegliere la propria illuminazione smart

Diversi i fattori da prendere in considerazione quando si decide di passare ad un’illuminazione smart. Sicuramente passare da un’illuminazione tradizionale a quella smart, è un passo compiuto prima di tutto per ricavarne un discreto risparmio energetico. Le vecchie lampadine ad incandescenza, sostituite da quelle a LED, fanno certamente abbassare il costo delle bollette. Ma questo non è certo l’unico motivo che spinge un utente a dilettarsi e divertirsi con l’illuminazione smart. Un’illuminazione di questa tipologia consente l’accesso a diverse funzioni che sono state ideate per soddisfare molte particolari esigenze. Quindi, oltre al budget a disposizione e a voler risparmiare sulle bollette, la prima cosa da chiedersi è: “perché voglio un’illuminazione smart in casa o in ufficio?”.

Trovata la risposta più adatta e soddisfacente si passa all’acquisto, prestando quindi attenzione a costi, caratteristiche di lampadine e sistemi integrati e alle diverse funzioni che è possibile ricavarne.

Guide acquisto smart-home