Migliori Smart speaker: quale scegliere nel 2024

Gli smart speaker sono diventati il cuore pulsante dietro a qualsiasi configurazione di automazione. E grazie agli assistenti vocali, Alexa, Google Assistant e Siri, questi altoparlanti intelligenti sono sempre più ricchi di funzionalità smart.

Sia che tu voglia sapere quando pioverà, il nome del brano che stai ascoltando o una ricetta particolare, gli assistenti virtuali saranno sempre in attesa di sentire la loro parola di attivazione per esaudire i tuoi desideri.

Di seguito trovi quelli che secondo noi sono i migliori smart speaker disponibili sul mercato italiano in questo momento.

I migliori Smart Speaker

Alla domanda: “qual è il miglior smart speaker attualmente in commercio?” è difficile dare una risposta univoca. Oggi il mercato settoriale è dominato da grandi nomi e marchi. I principali sono sicuramente Amazon Alexa e Google Assistant. Ciascuno di loro presentano caratteristiche uniche e particolari, pro e contro che mettiamo a confronto in vari articoli di questo portale e meccanismi di funzionamento peculiari. Per scegliere il miglior smart speaker, adatto alle proprie esigenze, consigliamo di leggere gli articoli che illustrano le loro varie funzioni e ne spiegano i meccanismi di funzionamento. Per fare la scelta giusta, comunque, aiuta chiedersi, quali siano le funzioni veramente importanti che desideriamo vengano svolte dall’assistente vocale e soprattutto, di quale budget disponiamo.

Sonos One

Sonos One Generazione 2 Smart Speaker Altoparlante Wi-Fi Intelligente, con Alexa integrata, AirPlay...
  • Lasciati sorprendere dall'audio intenso e coinvolgente di uno smart speaker di seconda generazione con controllo vocale a prova di...
  • Controllo vocale con Amazon Alexa, AirPlay e Google Assistant

Il Sonos One è, in generale, il miglior smart speaker, quello che tutti glia amanti della musica vorrebbero.

Inizialmente aveva il supporto solo per l’assistente Alexa, ora invece, sono stati aggiunti anche Google Assistant e AirPlay 2, di conseguenza è l’altoparlante intelligente più completo sul mercato.

Con Sonos One hai una qualità del suono eccezionale, (il dispositivo dispone di un sistema di sei microfoni) e tutti i principali ecosistemi di casa intelligente a tua disposizione.

Inoltre, la nuova versione include anche un processore migliorato, più memoria e supporto per Bluetooth LE.

Sonos One presenta un design elegante che bene si abbina ad ogni stanza della casa e il suo suono è ben bilanciato, pulito con bassi potenti.

E’ disponibile in due colori: bianco e nero.

  • PRO: Qualità del suono eccezionale, design elegante, supporto per Google Assistant e Alexa, molte opzioni di streaming, incluso AirPlay 2;
  • CONTRO: I microfoni devono essere migliorati, soprattutto per Google Assistant, mancano alcune funzioni di Google Assistant / Alexa.

Amazon Echo (4 generazione)

Echo (4ª generazione) | Altoparlante intelligente Wi-Fi e Bluetooth, suono di qualità premium, con...
  • SUONO DI QUALITÀ PREMIUM - Echo ti offre alti nitidi, medi dinamici e bassi profondi, per un suono ricco e definito che si adatta...
  • CONTROLLA LA MUSICA CON LA TUA VOCE - Ascolta brani in streaming da Amazon Music, Apple Music, Spotify, Deezer e altri servizi...

Un altro ottimo smart speaker di Amazon è Amazon Echo di quarta generazione. Il suo principale punto di forza  è il controllo vocale con Alexa. Alexa può controllare la musica, controllare i dispositivi di casa intelligente, rispondere alle domande e fare un sacco di altre cose con le Skill di Alexa.

In Echo di quarta generazione il riconoscimento vocale è migliorato notevolmente, ed Alexa è ancora più veloce nell’elaborare le richieste. Inoltre, è stata mantenuta la linea da 3,5 mm che significa che, come l’Eco Dot, puoi collegarlo ad un altro altoparlante con un suono migliore o collegarlo tramite Bluetooth. È inoltre possibile aggiungere un Echo Sub per compensare la mancanza di bassi.

PRO

  • Alexa è brillante
  • Design migliorato

CONTRO

  • Suono da migliorare
  • Manca Zigbee

Apple HomePod

Se ami l’ecosistema di Apple, e hai già altri dispositivi del brand, allora l’Apple HomePod è il tuo migliore smart speaker.

Il design è molto semplice ed elegante, ricoperto da un morbido tesoro a rete. Ma il suo punto forte è il suono eccezionale che con l’array a sei microfoni e il chip A8 batte Amazon Echo.

Purtroppo, però, monta l’assistente di Apple, Siri, che non offre le stesse prestazioni di Alexa. Può darti informazioni e controllare la casa intelligente, ma non offre la quantità di cose che può fare sia Alexa che Google Assistant e non è in grado di comandare la vasta gamma di dispositivi che possono controllare gli altri assistenti virtuali.

Siri e quindi HomePod si integra bene con Spotify e con AirPlay 2, che ora si è diffuso su molti altri altoparlanti, in modo da poter creare una configurazione multi-room.

PRO

  • Ottima qualità audio
  • Design elegante
  • Integrazione Spotify migliorata

CONTRO

  • Siri ancora scarso di funzioni

Approfondimento: Apple HomePod: tutto ciò che devi sapere

Google Home

Secondo solo a Alexa, c’è l’Assistente Google, il cuore degli smart speaker di Google Home, tra cui Google Home ‘standard’.

Se vuoi stare sull’ecosistema di Google, Google Home è ancora valido, nonostante non venga aggiornato da un pò.

Il design è molto semplice, elegante, con la parte superiore leggermente inclinata, dove risiedono le luci colorate che si illuminano quando si sta interagendo con l’assistente.

Google Assistant è come Alexa. Funziona un po’ meglio nelle ricerche su Internet rispetto ad Alexa, ma non ha la vasta gamma di integrazioni di terze parti di cui è fornita Alexa.

Anche qui, come in Amazon Echo, la qualità del suono non è male, ma non è eccellente come in Sonos One o in Apple HomePod. Però, basta che prendi il dongle di Chromecast Audio e lo colleghi ad altoparlanti migliori.

PRO

  • Google Assistant funziona bene
  • Interagisce bene con Chromecast
  • elegante

CONTRO

  • Non è versatile come Alexa
  • La qualità del suono da migliorare

Amazon Echo Dot

Echo Dot (5ª generazione, modello 2022) | Altoparlante intelligente Wi-Fi e Bluetooth, suono più...
  • IL NOSTRO ECHO DOT CON IL MIGLIORE AUDIO DI SEMPRE - Goditi un’esperienza audio migliorata rispetto ai precedenti Echo Dot con...
  • LA TUA MUSICA E I TUOI CONTENUTI PREFERITI - Ascolta musica, audiolibri e podcast da Amazon Music, Apple Music, Spotify, Deezer e...

Se cerchi uno speaker economico, Amazon Echo Dot è il migliore.

E’ veramente economico ed include le funzionalità del fratello maggiore Echo. Ecco Dot è un dispositivo di piccole dimensioni, rivestito in tessuto a rete, disponibile in quattro varianti di colore: antracite, grigio chiaro, mélange e malva.

Rispetto alle versioni precedenti, il suono è migliorato di parecchio. Ora ha un suono a 360 gradi più pulito e nitido.

Ovviamente ha l’integrazione con Alexa, e funziona abbastanza bene. L’unica cosa è che devi pronunciare bene la parola di attivazione di Alexa, altrimenti non capisce. Specialmente se ti trovi in un’altra stanza, devi pronunciare il suo nome forte e chiaro.

Per il resto funziona tutto. Inoltre il mondo di Alexa comprende parecchie stil che puoi aggiungere per avere nuove funzionalità.

PRO

  • Semplice ed economico
  • Alexa funziona bene
  • Puoi collegarlo ad altri altoparlanti

CONTRO

  • Il suono non è eccezionale

Bose Home Speaker 500

Bose Home Speaker 500 Suono Stereo con Amazon Alexa e Assistente Google sono integrati - Nero
  • Prestazioni audio: riempi qualsiasi ambiente con un suono stereo ottimo da un singolo diffusore
  • Alexa integrato: Amazon Alexa e Assistente Google sono integrati in questo diffusore smart per il controllo vocale a mani libere;...

Se vuoi staccarti dai dispositivi Amazon e Google, una buona alternativa è il Bose Home Speaker 500.

È un diffusore con un design curvo che proietta il suono dagli altoparlanti laterali (non a destra e uno a sinistra), anziché solo sul davanti, per ottenere un migliore effetto stereo. Il risultato è una qualità del suono eccellente. Nella parte superiore ci sono i controlli touch che includono sei canali pre-impostati, che possono essere modificati tramite l’app Bose Music, ad esempio, per avviare le tue playlist preferite di Spotify.

Bose 500 include l’integrazione di Alexa e percepisce bene i comandi imposti anche grazie alla matrice di otto microfoni posti in cima all’altoparlante.

Quello che è non offre un grande valore aggiunto è il display frontale. Mostra semplicemente le informazioni sull’artista quando stai trasmettendo Spotify o Amazon Music.

PRO

  • Qualità audio di alto livello
  • Design robusto
  • L’app Bose Music è facile e intuitiva da usare

CONTRO

  • Molto costoso
  • Schermo praticamente inutile

I migliori altoparlanti intelligenti con display

Oltre agli altoparlanti classici, ci sono anche quelli che vengono chiamati smart display. In pratica sono degli smart speaker dotati, appunto, di un display che offre maggiori funzioni rispetto agli altoparlanti intelligenti classici.

Questi display offrono la possibilità di interagire con l’assistente virtuale anche tramite lo schermo touch, oltre a poter accedere al mondo dei video.

Amazon Echo Show 10

Echo Show 10 (3ª generazione) | Schermo intelligente in HD con movimento e Alexa, Antracite
  • Progettato per muoversi con te - Con uno schermo HD da 10,1" che si muove automaticamente, avrai sempre sott'occhio videochiamate,...
  • Sempre al centro dell'attenzione - Videochiama amici e famiglia o scatta una foto con la telecamera da 13 MP che, grazie al...

Un display intelligente e un altoparlante intelligente tutto in uno! L’Echo Show 10 di Amazon offre entrambi i mondi in un elegante e versatile dispositivo.

Ovviamente c’è Alexa che comporta allo stesso modo e fa le stesse cose che fa sugli altri speaker, ma qui lo schermo offre anche un livello visivo, che può essere più utile con cose come la visualizzazione delle previsioni del tempo, gli orari dei cinema, delle ricette, ecc. Significa anche che puoi guardare YouTube e altri media, controllando anche la tuo smart home utilizzando la dashboard. Basta scorrere con il dito lo schermo per accedere ai vari menù disponibili.

La qualità del suono non è eccellente, ma, onestamente, non è neanche nato con l’obiettivo principale della musica. Qui il focus è il display. Puoi aspettarti uno schermo molto chiaro con colori fantastici. Ma la cosa sorprendente è la fotocamera integrata da 13 megapixel che ruota autonomamente. Se hai già avuto a che fare con l’assistente virtuale di Amazon, saprai già che sei costantemente ascoltato. Tuttavia, Amazon Echo Show 10 non tiene traccia solo dei suoni nella stanza ma anche delle persone che si trovano al suo interno. La fotocamera osserva e il display ruota automaticamente nella posizione in cui ti trovi. Quando parli con Alexa, i microfoni individuano la direzione e il display si allinea di conseguenza. Questo significa che se tu ti sposti, lo schermo farà lo stesso per tenerti sempre inquadrato sullo schermo. Ma non è tutto, perché la fotocamera è in grado di eseguire lo zoom in modo indipendente. Per cui, se tu ti allontani, la fotocamera userà lo zoom.

Ne consegue che potrai effettuare una videochiamata con Echo Show e contemporaneamente fare dell’altro!

In termini di suono, l’Amazon Echo Show 10 non è eccellente ed è chiaramente battuto dal fratello Amazon Echo Studio. Tuttavia, riesce a riprodurre un suono pieno con buoni bassi da riempire la stanza.

Se sei curioso di saperne di più, ti consiglio di leggere il nostro post dedicato agli schermi intelligenti di Amazon. Lo trovi qui.

Smart Speaker: dispositivo hardware e sistema software

Per quanto complessi possano sembrare, in realtà gli smart speaker sono degli strumenti pratici e semplici. Sono composti da un elemento hardware, con alcune caratteristiche specifiche: cassa audio, microfono e connessione ad internet WI-FI e da uno software che rappresenta il cervello dell’apparecchio (l’intelligenza artificiale). L’assistente vocale rappresenta il nocciolo dell’AI e base le sue capacità sul machine learning e sull’intelligenza artificiale che gli consentono di capire, in modo naturale, il linguaggio umano. Il machine learning corrisponde all’apprendimento automatico e rappresenta la capacità del software degli smart speaker di apprendere e migliorarsi in base ai dati che raccolgono. È un sistema di autoapprendimento che serve ad ottimizzare continuamente il software stesso. L’intelligenza artificiale permette allo smart speaker di capire il comando vocale ricevuto. Questo è subito tradotto in bytes ed elaborato per fornire una risposta adeguata all’utente. L’algoritmo specifico del dispositivo registra la domanda che gli è stata posta, la memorizza e l’archivia. In questo modo, in futuro, quando gli verranno poste altre domande, avrà la possibilità di vagliare domande e risposte precedenti, migliorando continuamente la specificità delle risposte che potrà dare.

Ottimizzazione e praticità quotidiana

Gli smart speaker, assieme a tanti altri dispositivi tecnologici come le smart TV, l’ illuminazione smart o gli smartwatch, hanno semplificato la vita di migliaia di utenti nel mondo. Sono facili da usare, si installano in pochi minuti e partecipano attivamente all’organizzazione della routine quotidiana. Sul mercato ne esistono moltissime tipologie appartenenti a molte differenti marchi e case produttrici. Hanno caratteristiche e peculiarità specifiche ed uniche (in alcuni casi), ma lo scopo è sempre lo stesso: migliorare e semplificare la vita di tutti. Alla base del loro successo, oltre all’indubbia praticità, c’è la semplicità di installazione ed impiego. Bastano infatti pochi step per iniziare subito ad utilizzarli:

  • collegare lo smart speaker alla rete WI-FI
  • attivare le skill
  • collegare le App connesse allo speaker
  • impartire il comando di sblocco con la parola chiave che serve ad attivare l’assistente vocale e porre la domanda che si desidera

Uno smart speaker può davvero e significamente ottimizzare lo svolgimento di diverse attività quotidiane. Permette infatti una gestione temporale migliore durante la giornata. Il dispositivo ricorda scadenze, appuntamenti, sveglie, timer e promemoria, senza aver bisogno dell’intervento diretto dell’utente. Scandisce in modo ottimale ed automatico la quotidianità dell’utente. Inoltre, non gestisce solo il tempo, ma anche le attività. Organizza gli impegni come farebbe un vero e proprio assistente. Crea un’agenda virtuale di impegni, lavorativi e domestici, segnalando eventuali sovrapposizioni di appuntamenti ed eventi. Elimina inoltre la necessità di dover ricorrere a fastidiosi biglietti e post-it sui quali annotare eventuali appuntamenti ed impegni quotidiani (o semplicemente la lista della spesa).

Informazioni, aggiornamenti e notizie in tempo reale

Oltre alla gestione di tempo e attività, gli smart speaker sono utilizzati per ricercare informazioni online e rimanere aggiornati in tempo reale su notizie e scoop. Questi dispositivi consentono di eseguire molteplici ricerche online senza aver bisogno di una tastiera di uno smartphone, piuttosto che di un tablet o di un pc, per digitare la query desiderata. Basta pronunciare la domanda per la quale si vuole una risposta e l’assistente virtuale risponde in base ai risultati trovati in rete. Dalle notizie dell’ultima ora, ai risultati sportivi, dall’andamento del traffico, fino alla previsioni meteo, qualunque informazione o notizie desiderata è recuperata online nel giro di pochi istanti.

Illuminazione, clima e sicurezza

Le funzioni degli smart speaker sono davvero numerose e varie. In casa, come in ufficio, possono, ad esempio, essere utilizzati come centrale domotica per illuminazione, climatizzazione e sicurezza. Attraverso l’assistente vocale infatti è possibile comandare accensione e spegnimento dell’illuminazione interna ed esterna di un edificio, la gestione di termosifoni, condizionatori e purificatori d’aria e sistemi di antifurto e videosorveglianza. Qualunque aspetto di un’abitazione, ma anche di un ufficio, o di un negozio, può essere controllato con uno smart speaker: abbassare o alzare l’intensità o il colore delle luci di una stanza, modificare la temperatura di una zona, inserire l’antifurto di casa, o disattivare il sistema di videosorveglianza. Senza contare che persino gli elettrodomestici di casa, possono essere gestiti tramite l’assistente vocale del dispositivo. Ad una precisa richiesta è possibile infatti controllare l’accensione, lo spegnimento e modalità d’uso di uno o più elettrodomestici (elettrodomestici comunque adeguati e di ultima generazione compatibili con le funzioni avanzate degli smart speaker).

Come scegliere un altoparlante intelligente

1. Quale assistente vocale: Alexa, Google Assistant

La prima e più importante decisione che devi prendere è quale assistente vocale vuoi utilizzare. Ci sono un certo numero di scelte, i più popolari sono Alexa, Google Assistant e Siri.

Considera quale ecosistema usi di più. Se usi più spesso i servizi di Google, come Calendar, Maps, Gmail, forse un prodotto con Google Home sarebbe il migliore per te. Se invece, ad esempio, ti piace fare shopping su Amazon, allora un Amazon Echo fa al caso tuo.

Considera anche quali altri dispositivi di smart home vuoi collegare. Devi considerare la compatibilità con l’assistente virtuale. Sia Amazon che Google hanno in casa alcuni dispositivi domestici con il loro assistente vocale integrato. Ma ci sono anche moltissimi altri dispositivi di terze parti che includono il supporto per Alexa e/o Google Assistant.

Approfondimenti: 

Ovviamente, se sei un fan sfegatato di Apple, e non sei interessato ad ampliare i tuoi orizzonti, allora l’unica alternativa è quella di utilizzare l’assistente Siri, HomeKit e i dispositivi Apple collegati.

Vale la stessa cosa se hai già un certo numero di dispositivi Samsung, dagli smartphone Galaxy ai televisori QLED fino agli smartwatch Samsung, allora Bixby, l’assistente virtuale di Samsung, merita più attenzione.

2. Qualità del suono

La qualità del suono può variare molto tra modelli e produttori e spendere tanto non equivale sempre ad avere un’esperienza di ascolto migliore.

In genere, gli altoparlanti intelligenti più piccoli offrono una qualità di suono meno buona rispetto ai modelli più grandi. Questo perché sono limitati a causa delle loro dimensioni. Per cui, nel momento della scelta del miglior smart speaker da acquistare, devi considerare anche quanto è importante per te la qualità del suono. Ovviamente, se prevedi di utilizzare molto spesso lo speaker per ascoltare musica, allora dovresti puntare su un dispositivo un po’ più grande ed evitare un Google Home Mini o un Amazon Echo Dot. Dovresti rivolgere di più l’attenzione a dispositivi come l’Apple HomePod, Google Home Max e Sonos One che offrono tutti una buona qualità audio.

3. display

La prossima scelta che devi fare è quella se ti interessa avere anche un display. Questo perché alcuni modelli di altoparlanti intelligenti sono dotati anche di un display interattivo che potrebbe esserti utile in varie situazioni.

In genere i display hanno un senso se vuoi posizionare il dispositivo in cucina (ad esempio per vedere e seguire le ricette). Gli smart display ti permettono anche di accedere rapidamente alle informazioni visivamente, in ​​modo da poter vedere le previsioni meteo della settimana, video di YouTube, feed da telecamere di sicurezza e campanelli video, controlli touchscreen per dispositivi domestici intelligenti ecc.

Gli smart speaker con display sono molto interattivi. Puoi usare le dita per scorrere il menù e passare da una schermata all’altra. Potresti trovare questa soluzione più veloce da usare e quindi più adatta a te.

L’unico neo è che su questo genere di dispositivi, la qualità audio non è buona come quella di un normale smart speaker. Questo perché, in genere, tutti gli altoparlanti sono rivolti in una sola direzione.

4. Prezzo

Infine, l’ultimo fattore che devi considerare è il prezzo. Qui dipende molto da quello che vuoi ottenere dall’altoparlante intelligente. Chiaramente, i modelli più piccoli, come Amazon Echo Dot o Google Home Mini, sono i meno costosi, mentre i prezzi salgono se vai sugli smart display.

Se è il tuo primo smart speaker che acquisti e non sai se e quanto lo userai, il consiglio che posso darti è quello di iniziare dai modelli base, più economici. E se poi ci prendi gusto, puoi passare ai modelli più cari ma con più funzioni e migliori performance. E mi raccomando, non spaventarti per i prezzi, perché molto spesso si trovano  in offerta con grossi sconti.

 

Altri articoli ―