Miglior smartwatch: quale acquistare nel 2024

Gli smartwatch sono arrivati al nostro polso ormai da anni. Ne sono stati progettati e realizzati di tutti i tipi. Alcuni ben riusciti, altri un po’ meno. Alcuni ricchi di funzioni innovative e intelligenti, altri solo con funzioni base. Questo implica che scegliere il miglior smartwatch non è facile, soprattutto se stai muovendo i primi passi nel mondo degli orologi intelligenti.

Cos’è uno smartwatch

Uno smartwatch è un dispositivo tecnologico da indossare al polso, in grado di offrire tutta una serie di funzioni, come dice il nome, smart, ossia intelligenti. Con il miglior smartwatch puoi tenere sotto controllo tue condizioni di salute, il tuo benessere sia fisico che mentale, puoi ascoltare musica, controllare i dispositivi domestici intelligenti tramite gli assistenti vocali, ricevere notifiche, messaggi di testo e telefonate. 

Ma quali sono i migliori modelli? Di seguito i dispositivi che noi riteniamo più validi disponibili sul mercato nel 2024.

Smartwatch: le nostre migliori scelte

Come scegliere il miglior smartwatch

Uno smartwatch è un dispositivo intelligente, creato per essere indossato al polso. E’ come avere un piccolo computer al proprio polso, con display touchscreen e funzioni smart come il tracciamento sportivo, il monitoraggio della frequenza cardiaca e l’andamento del sonno.

Il mondo degli smartwatch, guidato da Apple Watch, Samsung, Fitbit, Garmin e i modelli Wear OS,  oltre che ad essere ogni giorno sempre più vasto, è in costante evoluzione, dove i vari marchi fanno a gara per lanciare sul mercato orologi intelligenti sempre più tecnologici, incorporando funzionalità sempre più avanzate con l’obiettivo di semplificare e migliorare lo stile di vita degli utenti che li indossano.

Muoversi nell’immenso ecosistema dei dispositivi indossabili intelligenti non è assolutamente facile. Esistono tantissimi modelli, per tutti i gusti e per tutte le necessità. Dal più semplice al più evoluto, passando per quello più elegante, più sportivo, touchscreen o ibrido…l’elenco è veramente lungo. 

Se poi consideriamo che non ci sono solo gli smartwatch in senso stretto, ma che esistono anche i modelli ibridi, i fitness tracker, le smartband, i multisport…allora scegliere l’orologio perfetto può diventare veramente complicato.

Di seguito trovi una panoramiche dei fattori che dovresti considerare prima dell’acquisto di un nuovo smartwatch. 

1. Compatibilità: Un dispositivo indossabile, per funzionare completamente, necessita del supporto dello smartphone, altrimenti le loro funzioni smart (come ad esempio la ricezione delle notifiche), sarebbero inutilizzabili. Questo significa che, quando devi scegliere quale smartwatch acquistare, bisogna assolutamente che tieni in considerazione il sistema operativo mobile da abbinare (iOS e Android i più utilizzati). Molti smartwatch sono compatibili sia con iOS che con Android, ma alcuni wearable, come l’Apple Watch, funzionano solo con un s.o. Nel caso della Apple, i suoi orologi sono abbinabili solo ed esclusivamente con iPhone o iPad. Ne consegue che se hai un telefono Android, hai solo due alternative: o scegli uno dei tanti smartwatch compatibili con Android oppure, se proprio vuoi un orologio Apple, dovrai munirti anche di un cellulare Apple.

Se, invece, sei un utente Apple e non vuoi l’Apple Watch, magari perchè è troppo costoso, puoi puntare su tutta una serie di altri smartwatch compatibili con iPhone.

2. Funzioni: Come già anticipato, gli smartwatch sono ricchi di funzionalità. Ogni anno se ne aggiungono sempre di nuove e più performanti, che vanno ad integrarsi perfettamente con le normali attività quotidiane. Di conseguenza, prima di scegliere l’orologio adatto a te devi avere ben chiaro le funzioni che il dispositivo deve ricoprire: tracciamento delle attività sportive, monitoraggio del sonno, sveglia, notifiche, calendario, fusi orari, musica, HR, news, meteo, controlli vocali, pagamenti contactless, GPS…

3. Connettività: Oltre al supporto dello smartphone, gli smartwatch hanno bisogno di una buona connettività. Per cui devi scegliere un modello che abbia i tipi di connessioni che si desideri. Ormai tutti gli orologi offrono la connessione Bluetooth e molti includono anche la connessione wi-fi. Infine, alcuni, supportano anche una scheda SIM per avere sempre a disposizione una connessione stabile, ma implica anche dover sottoscrivere un abbonamento con un operatore telefonico, e quindi un costo da sostenere. 

4. Design: Uno smartwatch è un dispositivo da indossare, e portandolo al polso tutto il giorno, deve, per forza, piacere anche esteticamente. Fortunatamente, i marchi più richiesti si focalizzano, oltre che all’aspetto tecnologico, anche al design. 

Sul mercato ci sono orologi eleganti e raffinati per i più esigenti, sottili e leggeri per il pubblico femminile, con la cassa tonda o squadrata a seconda delle preferenze. Il display può essere touch, a colori o monocromatico, si può scegliere tra uno schermo di grande dimensione o più contenuto, AMOLED o OLED…ce ne sono veramente tanti tra cui scegliere, con forme, dimensione e peso differenti.

Inoltre, la maggior parte sono personalizzabili per essere più in linea con la propria personalità. I cinturini si possono facilmente sostituire, scegliendo tra cinturini in silicone, in acciaio o in pelle; e anche i quadranti si possono modificare a proprio piacimento.

Anche i materiali utilizzati per la realizzazione del dispositivo sono importanti. Avendoli sempre al polso anche durante le attività sportive, sono facilmente soggetti a sporco, urti e graffi, per cui meglio se i materiali utilizzati sono robusti e resistenti, come ad esempio lo schermo in Gorilla Glass oppure l’impermeabilità.

5. Prezzo: Un altro elemento importante da considerare è sicuramente il budget che hai a disposizione. I prezzi degli orologi intelligenti variano dai 25/30 euro in sù, fino a superare gli 800 euro per avere il migliore smartwatch.

Chiaramente più si spende più funzioni sono incluse e più è robusto e resistente (almeno in teoria). Dipende sempre da ciò che stai cercando. Se vuoi un indossabile abbastanza completo che duri per qualche hanno, allora devi almeno stare su un orologio di fascia media, circa sui 200-300 euro.

6. Durata della batteria: L’ultimo fattore da considerare quando scegli il miglior smartwatch per te, è la durata della batteria. Più funzioni il dispositivo include, più la batteria si esaurirà rapidamente. Anche lo schermo sempre attivo si ripercuote negativamente sull’autonomia del dispositivo. 

Ci sono modelli che offrono la possibilità di attivare la modalità di risparmio energetico quando non si ha la necessità di avere sempre attive tutte le funzionalità dell’orologio, in modo da prolungare la durata della batteria. Molti stanno anche ricevendo aggiornamenti con opzioni di ricarica rapida.

Questo è un fattore molto importante da tenere presente soprattutto negli smartwatch multisport, dove è meglio non rischiare di vedersi esaurire la batteria nel bel mezzo di un allenamento intenso.

I migliori Smartwatch per marca

Samsung

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch Samsung clicca qui.

Xiaomi

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch Xiaomi clicca qui.

Huawei

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch Huawei clicca qui.

Apple

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch Apple clicca qui.

Fitbit

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch Fitbit clicca qui.

Garmin

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch Garmin clicca qui.

I migliori smartwatch per donne

Fino a pochi anni fa il mercato degli smartwatch era saturo di dispositivi rivolti principalmente agli uomini che poco si adattavano con i polsi più piccoli e sottili delle donne.

Ma non è più così. Oggi i grandi brand lavorano attivamente anche alla progettazione e realizzazione di smartwatch dedicati alle donne, tenendo presente le loro esigenze. Di conseguenza, ora sono disponibili molti dispositivi dotati di funzionalità progettate appositamente per il mondo femminile.

Dal monitoraggio del ciclo mestruale al monitoraggio della frequenza cardiaca, della forma fisica e dell’adattamento ai polsi piccoli, gli orologi intelligenti da donna hanno fatto molta strada. Che tu sia una donna che ha bisogno di uno smartwatch per l’allenamento in palestra o di un orologio intelligente che si abbini con gli abiti da ufficio, le opzioni tra cui scegliere sono molte.

Tra i migliori smartwatch già visti precedentemente, particolarmente adatti al polso femminile sono il Fitbit Versa 4, il Fitbit Sense e l’Apple Watch Series 9 da 41 mm. A questi si aggiungono anche il Fossil Gen 6 e il Garmin LiLy.

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch per donne clicca qui.

I migliori smartwatch per uomini

Quando si parla del miglior smartwatch per uomini, le alternative a disposizione sono veramente moltissime. Quasi tutti i modelli si adattano perfettamente al polso maschile. Questo significa che la scelta dipende dall’utilizzo che si vuole dare all’orologio. Ti serve un dispositivo per i tuoi allenamenti intensi, per le tue avventure sportive outdoor, o stai cercando un indossabile intelligente da abbinare al tuo outfit elegante? Ce ne sono di tutti i tipi.

Nella lista dei migliori smartwatch per uomini, sicuramente non può mancare l’Apple Watch Serie 9 e Ultra 2, il Samsung Galaxy Watch 6 e l’Apple Watch SE 2 che si adattano bene un pò con tutte le situazioni.

Se invece cerchi uno smartwatch particolarmente indicato per le attività all’aria aperta, tra i migliori trovi il Suunto 7 e il Polar Grit X Pro.

I migliori smartwatch per bambini

Per un approfondimento e confronto tra i migliori smartwatch per bambini clicca qui.

I migliori smartwatch economici

Smartwatch: caratteristiche e sistemi operativi

Gli smartwatch non sono come gli smart speaker, dove, bene o male, le funzioni, alla fine sono sempre le stesse. Ogni smartwatch è diverso l’uno dall’altro. Ciascuno di loro presenta caratteristiche e peculiarità uniche che lo contraddistinguono dagli altri. Rispondo a diverse esigenze e sono stati creati anche per scopi molto diversi. Il mercato attuale è davvero ricolmo di questi accessori. Differenti modelli, tantissime marche, molteplici funzioni e, in generale, una gran confusione per chi si approccia a questo mondo per la prima volta. Vista la vastità delle caratteristiche proprie di questi strumenti, cerchiamo di far luce almeno sulle peculiarità principali che li contraddistinguono. Gli smartwatch differiscono per design, casa produttrice e sistema operativo installato. Quindi, al di là del design, che risponde soprattutto al gusto personale, quello che è importante conoscere, è la compatibilità con il proprio smartphone. I sistemi operativi più comuni tra gli smartwatch sono:

  • Android Wear – è il sistema operativo sviluppato da Google. È compatibile con smartphone Android dalla versione 4.3 in poi e con iPhone con versione iOS aggiornata alla 9 o superiore. Con Apple però non è garantita la piena compatibilità
  • WatchOS – sistema operativo presente su Apple Watch. è compatibile e comunica esclusivamente con iPhone 5s o superiori e con iOS 11 o successivi.
  • TizenOS – poco diffuso, ma comunque presente su diversi dispositivi low cost, è compatibile con i Samsung, ma ha funzionalità limitate con altri dispositivi Android con quelli che montano iOS.

Display, hardware e sensori

La tecnologia impiegata nel display degli smartwatch è un elemento determinante nella loro scelta. Il display può essere OLED/AMOLED oppure LCD. I primi sono display dai colori intensi e contrasti profondi, i secondi invece sono particolarmente luminosi, ma con minor autonomia. Diverse anche le funzioni di interazione dei display touchscreen. Alcuni infatti consentono di essere utilizzati attraverso la rotazione della ghiera, mentre altri richiedono l’utilizzo combinato con diversi pulsanti. Altre peculiarità che caratterizzano i vari smartwatch sono il processore, la memoria interna e la RAM all’interno del dispositivo. La potenza del processore e la quantità di RAM determina la velocità e la costanza di prestazioni dello smartwatch. Più APP sono installate, maggiore è la mole di lavoro per processore e RAM. Di conseguenza per assicurarsi prestazioni sempre al TOP è necessario avere un buon livello di RAM e un ottimo processore. Il rischio, altrimenti, è quello di veder rallentare progressivamente la velocità e la fluidità di funzionamento dello smartwatch. Infine, altra discriminante nella scelta del miglior smartwatch, sono i sensori, quali, altoparlante e microfono. Questi servono a rispondere alle chiamate senza prendere in, mano lo smartphone. Esistono persino dei modelli di smartwatch che contengono al loro interno una SIM/eSIM e un’antenna integrata che  permettono di eseguire chiamate anche se il cellulare non è connesso.

Come e quando usare uno smartwatch

Esistono vari motivi e modalità d’impiego di questi utili accessori. Uno smartwatch infatti, può essere utilizzato nello sport, oppure per lavoro, o ancora nel proprio tempo libero, o per motivi di salute. Durante lo sport usare uno smartwatch comporta una serie di vantaggi a cui spesso non si pensa. Ad esempio, in caso di difficoltà, è possibile allertare i soccorsi semplicemente schiacciando un pulsante, senza dover effettuare una telefonata con la quale cercare di spiegare la propria posizione. Infatti è possibile associare uno o più numeri di emergenza ai quali inviare la propria localizzazione tramite un sms, in caso di emergenza. Per quanto riguarda la salute gli smartwatch si rivelano molto utili per misurare la pressione sanguigna sistolica e diastolica, oppure per verificare la frequenza cardiaco, o ancora per valutare la saturazione di ossigeno nell’emoglobina (in caso di smartwatch con saturimetro integrato). Anche nella vita di tutti i giorni, durante il proprio tempo libero, sono validi alleati per semplificare diverse attività. Un semplice tocco allo smartwatch può localizzare lo smartphone disperso in casa, oppure aiutano a memorizzare e visualizzare velocemente la lista della spesa, o ancora permettono di rispondere ad una chiamata durante un bagno in mare, oppure sotto la doccia. Insomma, si tratta di strumenti particolarmente utili, sotto molti aspetti della vita quotidiana. Anche nel lavoro si rivelano essere strumenti preziosi ed efficienti. Gli smartwatch hanno funzioni che consentono di notificare eventuali riunioni, oppure permettono di scorrere tutte le mail ricevute con semplice gesto della mano, o ancora di bloccare suonerie indesiderate nel giro di un secondo.

Smartwatch VS Smartband

Non sono la stessa cosa e si capisce anche dal nome. Gli smartwatch sono quindi “orologi intelligenti” che possono collegarsi con semplicità al proprio smartphone e che svolgono moltissime utili funzioni. Gli smartband invece, sono semplici braccialetti intelligenti usati per adempiere solo a qualche funzione basilare come, ad esempio: raccolta dati relativi alla salute (battito cardiaco), posizione geolocalizzata, contapassi e movimenti nelle tre direzioni. Una volta raccolti tutti i dati gli smartband li inviano ad uno smartphone che, grazie ad apposite applicazioni, permette la visualizzazione delle informazioni raccolte a seconda del loro utilizzo e tipologia. A differenza degli smartwatch, impiegati su più forniti (tempo libero, sport, salute, lavoro), gli smartband sono stati creati per un uso quasi esclusivamente sportivo. Rari i casi in cui possono essere impiegati per motivi di sicurezza, o altro.

Altri articoli ―